Malformazione polmonare

Esistono malformazioni polmonari, le cosiddette malformazioni adenoido-cistiche (CCAM) che crescono in modo così massiccio in gravidanza che il feto poi muore per un blocco cardiocircolatorio. L’unica possibilità per scongiurare la morte intrauterina del feto è quella di eliminare in fase prenatale i tumori in sé benigni.

Queste malformazioni sono visibili dall’ecografia a partire dalla metà circa della gravidanza. La diagnosi dettagliata viene effettuata per mezzo di una MRI, qualora si prenda in considerazione la possibilità di un eventuale intervento prenatale.

L’intervento prenatale viene considerato quando il feto mostra i primi segni di un blocco cardiocircolatorio imminente. Un’operazione aperta elimina la maggior parte del tumore malformato di grandi dimensioni. In questo modo la circolazione torna normale e i polmoni possono continuare a svilupparsi indisturbati.

Nonostante l’intervento venga eseguito su un feto gravemente malato, si può concludere che due feti su tre sopravvivono a questa operazione importante e grave e che dopo la nascita i polmoni funzionano in modo sufficiente. Se nel corso della gravidanza e anche dopo la nascita non si manifestano altri problemi gravi, la previsione che il bambino cresca normalmente è favorevole.

Partner

Un team interdisciplinare esperto con una formazione specifica.